image Stranizzad’amuri mobile image Stranizzad’amuri tablet image Stranizzad’amuri desktop

Stranizzad’amuri

Stranizza d’amuri è un film liberamente ispirato a un fatto di cronaca nera accaduto in Sicilia all’inizio degli anni ’80.

Sceneggiatori
  • Andrea CEDROLA, Carlo SALSA, Giuseppe FIORELLO, Josella PORTO
Fotografia
  • Ramino CIVITA
Montaggio
  • Federica FORCESI
Produttori
  • Fenix Entertainment, Ibla Film, Rai Cinema
informazioni
stato
  • Post produzione
genere
  • Drammatico
anno
  • 2021
paese
  • Italia
locandna Stranizza d’amuri

il film

Stranizza d’amuri è un film liberamente ispirato a un fatto di cronaca nera accaduto in Sicilia all’inizio degli anni ’80. Gianni è un ragazzino di 17 anni che non ha amici. Preso di mira da alcuni coetanei che hanno scoperto la sua omosessualità, subisce in silenzio il loro odio e pregiudizio. Unico suo conforto è sua madre, Lina, che lo sostiene anche quando si deve scontrare con il carattere burbero e violento del suo compagno, Franco, proprietario dell’officina dove lavora il ragazzo.

La vita di Gianni cambia quando incontra Nino, un sedicenne intraprendente e puro. In sella ai rispettivi motorini, i due si scontrano accidentalmente ma quell’incidente fa nascere un’amicizia profonda che senza imbarazzo si trasforma in amore quando i due cominciano a lavorare insieme come fuochista per la ditta di Alfredo, il padre di Nino, che porta avanti una tradizione antica di famiglia, i fuochi d’artificio nelle feste di paese. Un amore così forte però non si può tenere nascosto. La voglia di stare insieme aumenta il rischio di essere scoperti. Se Gianni e Nino riescono a sopravvivere a un’aggressione omofoba da parte di un gruppo di estranei, soccombono quando vengono scoperti dalle rispettive famiglie. È proprio Lina a decidere il loro destino, convita di fare il bene di entrambi. Separati con la forza, Gianni e Nino sono pronti a sfidare tutto e tutti perché convinti che il loro amore può sconfiggere anche la morte. Nel 1982 l’Italia vince i mondiali ma non si accorge che due ragazzi sono stati uccisi dal pregiudizio e insabbiati dall’indifferenza proprio da quel paese che esulta per la coppa del mondo!